Il bosco si era riappropriato dell’antico sentiero che da Valle di Soffumbergo, in Comune di Faedis, conduce attraverso i monti fino alla grotta del “Foran di Landri”, uno dei posti più affascinanti e anche meno conosciuti della zona, al centro di numerosi racconti e leggende e abitato fin da tempi remoti, visto che vi sono stati ritrovati reperti preistorici. Consuetudine voleva che ogni anno, in occasione della Festa delle Castagne e del Miele di Castagno, assieme alla Pro Loco del Borgo, si andasse a piedi fino alla grotta. Ma, proprio a causa della “sparizione” del sentiero, da 15 anni questa escursione non si poteva più fare.
Quest’anno, grazie all’impegno dei volontari non solo della Pro Loco ma anche del gruppo Forum Julii Speleo e della vicina Pro Loco Colloredo di Soffumbergo, il sentiero è stato riaperto e domani, alle 8.30, ci sarà il ritrovo con le iscrizioni dei partecipanti alla camminata “Valle scende in grotta”.
“Lo scorso giugno – racconta il presidente della Pro Loco di Valle di Soffumbergo, Gianfranco Specia -, dopo il grande lavoro di pulizia del sentiero da parte dei volontari, abbiamo svolto un’edizione zero della camminata in occasione della Festa del Patrono San Pietro: è andata molto bene e visto l’interesse delle persone abbiamo deciso di ripristinare la consuetudine della visita al Foran di Landri”.

LA CAMMINATA – Il percorso, partendo da Valle, permetterà di raggiungere le grotte in zona Case Pech e Foran di Landri, ricche di testimonianze geologiche e preistoriche. Infatti, queste grotte sono sono al centro di numerosi racconti e leggende, nonché sono ricche d’acqua e vi sono stati ritrovati reperti risalenti al Neolitico. La camminata guidata prevede il ritrovo e le iscrizioni domani alle 8.30 dalla sede della Pro Loco con partenza alle 9, accompagnati dalla guida Gianpaolo Bragagnini, esperto agronomo. All’esterno delle grotte, vi sarà un momento di presentazione didattica a cura di Forum Julii Speleo. La durata della passeggiata è di circa 3 ore e mezza (dislivello 506/678 metri sul livello del mare, senza difficoltà). Si raccomanda abbigliamento e calzature adatte all’attività.
Nel frattempo oggi e domani si vivrà il secondo weekend della 39ma edizione della Festa delle Castagne e del Miele di Castagno. “Il primo fine settimana è andato molto bene – aggiunge Specia -. Siamo pronti per replicare”.  Ricco il programma che prevede oltre alle camminate musica, divertimento, attività per i bambini e tante specialità enogastronomiche da gustare (a partire dalla mitica torta di castagne e del frico di castagne, oltre naturalmente al cartoccio di castagne cotte da accompagnare con un bicchiere di Ribolla gialla).

SECONDO WEEKEND – Oggi apertura dei chioschi alle 12 e pranzo offerto a tutti gli ultra 70enni residenti nel Comune di Faedis. Alle 14.30 passeggiata nel bosco vicino a Valle di Soffumbergo. Alle 17 pomeriggio e serata danzante con il Trio Matajur. Alle 19 concerto sotto le stelle, la Nuova Banda di Orzano presenta Una valle di Musica con la direzione del maestro Nevio Lestuzzi. Domani apertura dei chioschi alle 8.30, ritrovo e iscrizioni dei partecipanti alla camminata “Valle scende in grotta” Alle 9 partenza della camminata con esperto botanico e Forum Julii Speleo. Alle 11 Messa, alle 13 pomeriggio didattico e divertimento per bambini a cura dei Forum Julii Speleo, alle 14 partenza della camminata alla scoperta di Soffumbergo fin al monte San Lorenzo attraversando antichi castagneti del territorio e vecchi sentieri con Ermenegildo Roiatti. Dalle 14.30 pomeriggio e serata in musica con Petris e i Solisti friulani.

La kermesse è un’Ecofesta per il suo impegno nella tutela dell’ambiente nonché quest’anno è stata pure insignita del marchio Sagra di qualità dell’Unione nazionale delle Pro Loco (prima e al momento unica manifestazione in Friuli Venezia Giulia) e quindi riconosciuta come una delle eccellenze d’Italia: la premiazione si è svolta a luglio a Roma in Senato nella Sala Koch. Gode del patrocinio e sostegno del Comune di Faedis e del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia e della collaborazione della Pro Loco Campeglio, Associazione volontaria fra i Viticoltori del Refosco di Faedis, Asd Dopolavoro Ferroviario di Udine, Cai Faedis e Forum Julii Speleo. Prezioso anche il sostegno di CrediFriuli.

—^—

In copertina, il “Foran di Landri” e all’interno il sentiero riaperto.

 

Hits: 165

, , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from 2019.FriuliVG.com

Lascia un commento